Il poeta muore sempre due volte

Ho recentemente seguito i lavori di un congresso a Buenos Aires. L’occasione è stata ritenuta ghiotta per invitare – senza alcuna ragione a mio avviso – la compagna degli ultimi anni di Borges, Maria Kodama, sposata pochi mesi prima di morire. Mi è già capitato altre due volte di trovarla ospite da qualche parte per ricevere premi alla memoria del marito, che però, in pratica nascono pensati per lei e a lei vengono consegnati. Mi chiedo se nella loro casa siano di più quelli ricevuti da lui o quelli accumulati da lei da quando la sorte ha deciso che il primo tornasse ad alimentare il ciclo dell’universo, mentre l’altra restava ancora quaggiù a poggiare i piedi sul pianeta azzurro. Evento del tutto casuale che però è intervenuto a decidere le sorti del futuro, per lo meno di quello immediato, di quella eredità intellettuale che George ha lasciato ad una umanità variamente popolata e che rimane vincolato alle “autorizzazioni” della moglie sopravvivente. Leggi tutto “Il poeta muore sempre due volte”

Siamo tutti imbecilli?

Seguo il TG ogni giorno e ogni giorno mi chiedo se siamo tutti imbecilli. Diventati imbecilli. trattati come siamo stati negli ultimi cinquant’anni, colpevole nessun escluso. Da persone ci siamo trasformati in utenti e infine in clienti. Quindi, imbecilli senza senso critico. Lo dimostra l’informazione che quotidianamente entra nelle nostre case. Ci credono imbecilli e per tali ci trattano. Sebbene questa triste considerazione non lasci fuori nemmeno gli addetti della stampa, trasformati ormai in casse di risonanza dell’imbecillità diffusa, in ripetitori delle imbecillità altrui. Un esempio: la ditta Caffaro di Brescia di cui il TG1 dà notizie allarmanti: da vent’anni sequestrata e mai si è fatto nulla. Ora esplode di nuovo l’emergenza, cola mercurio e c’è un altro pericolo urgente che rimette sotto i riflettori il capannone dei veleni. Il Ministro dichiara che si deve bonificare, la gente si dichiara stanca di vivere con i veleni, si parla di alto tasso di tumori e la Procura dispone “un nuovo sequestro”! Un paradosso incommensurabile. Come si fa a porre “di nuovo” sotto sequestro un luogo già sequestrato nel 1997 e da allora abbandonato a se stesso e alla solita incuria ed abbandono che risultano caratteristiche indelebili della contemporaneità? Un modo clamoroso eppure sotterraneo per nascondere le responsabilità. Se era sequestrato, qualcuno non ha fatto quel che doveva fare. Sottoporlo a nuovo sequestro significa far finta di agire laddove invece c’è una colpa enorme di inazione. E i poveri speaker costretti a ripetere notizie che non sanno leggere e non comprendono, semplici inutili e stupidi ripetitori di imbecillità che aumentano il malessere di una contemporaneità insulsa e senza senso critico.

Sono tornato

Questo sito è stato violato da un virus. Non sono in grado di dire se si è trattato di un attacco mirato o esito di uno di questi eventi del web che assomigliano ai fasci di meteoriti che all’improvviso rendono il vuoto dell’universo il posto più pericoloso e inaffidabile. Internet, ormai lo sappiamo, è universo e buco nero. Ad ogni modo, non è stato facile riattivare il mio blog, è servito molto tempo per non perdere i materiali che vi sono depositati, le cose che ho scritto negli ultimi anni. A breve aggiungerò un nuovo articolo.

Senza cielo. Non si salva nessuno

Disponibile il mio nuovo libro che si può scaricare su Kindle o sul proprio PC direttamente dal sito di Amazon: https://www.amazon.com/Senza-cielo-salva-nessuno-Italian-ebook/dp/B07KCKFW2L/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1542560020&sr=1-1&keywords=senza+cielo.+non+si+salva+nessuno

 

Tre storie al femminile e tre al maschile di impossibile riscatto che vi lasceranno un segno dentro. 

Da un post di colei che, forse, è stata la prima lettrice. “Ho letto la storia di Martina, un pugno nello stomaco. Pensavo che dopo , la strada sarebbe stata in discesa. Poi ho conosciuto Lucia e Marica… Non è una facile lettura a livello emotivo, ma è un libro che va letto e che mi sento di consigliare ”.

Recensioni di lettori: “Un libro che non vi lascerà indifferenti, che dovrebbe essere letto nelle scuole, non solo dai ragazzi ma soprattutto dagli educatori, da quei docenti che han perso per strada, o forse non l’hanno mai avuta, la vocazione dell’insegnamento”. “Un viaggio nella triste realtà della scuola italiana tra speranze e delusioni. Il tutto condensato nella frase Credo che i sogni stiano a sud dello spirito“.

Su Amazon è disponibile anche la versione cartacea, per gli amanti del libro nella sua più elegante e classica veste.

A chi leggerà, chiedo, se possibile, di lasciare una breve recensione.

A chi piacerà, chiedo, se possibile, di aiutarmi a pubblicizzarlo.

Grazie

Avete visto la Rivoluzione?

Avete visto la Rivoluzione? Se n’è accorto qualcuno? Possibile che questa notizia non faccia nemmeno eco? Eppure è sotto gli occhi di tutti, anzi, dentro.

E questo spiega perché nessuno si è accorto della Rivoluzione. Pur vivendola in prima persona, in massa. Il fatto è che siamo abituati – da quanto abbiamo studiato a scuola – a vedere la Rivoluzione come un fenomeno sociale collettivo, rumoroso, sanguinario, caotico. Ma dovrebbe essere chiaro, dopo cent’anni di studi e ricerche antropologiche e sociologiche, che i fenomeni sociali sono abiti, definiti dalla cultura del tempo e del luogo. La civiltà europea ci ha abituato ad una idea di Rivoluzione definitivamente compromessa coi fuochi e gli stendardi dell’Epopea francese di fine Settecento. La sua anticipazione nel continente americano non è che bozza di uno stesso modello concettuale e strategico. Insomma, senza fuochi e fiamme, senza insurrezioni e prese della Bastiglia, senza morti e feriti, pare non ci possa essere Rivoluzione. Analizziamo.

Leggi tutto “Avete visto la Rivoluzione?”

Immigrazione: nessuna verità

Non entro nel merito (la mia posizione è nota avendo lanciato una sottoscrizione per l’abolizione del permesso di soggiorno), ma osservo: un giudice inquisisce un ministro per snaturare una scelta chiaramente politica, certamente non una scelta delinquente. È legittimo? È democratico? Chi verifica che l’azione dei giudici sia davvero trasparente, disinteressata, apolitica?

Leggi tutto “Immigrazione: nessuna verità”

Lotta di genere: la sconfitta degli uomini

Non si riesce a parlarne, il tema rientra tra quelli “no politically correct”. Eppure la situazione è urgente da tempo. Sto parlando dell’eccessiva e colpevole femminilizzazione della scuola che sta producendo, da decenni, danni la cui portata si avvertirà ormai a breve, e durerà a lungo. Perché i processi culturali sono lenti come i cambiamenti che stimolano.

Leggi tutto “Lotta di genere: la sconfitta degli uomini”

Il fitness: siamo tutti supereroi

Sono nato negli anni Sessanta. e ho sempre fatto sport, come tanti della mia generazione. Si andava a faticare nelle piste, nei campi, nei boschi, nelle piscine, nelle palestre. Sempre con un tocco di fai da te, ciascuno di noi. Era il modo di andare vestiti che era fai da te. C’erano i pantaloncini corti, di due tipi: da atletica (sgambati e a vita alta) o da sport di squadra: pallacanestro, calcio, pallavolo (un po’ più lunghi e un po’ più bassi). C’erano le canottiere del basket e della corsa, poi tante magliette più o meno uguali. Chi aveva la fortuna di giocare in una squadra inserita in un campionato federale, non importa a che livello, spesso si gloriava di una divisa, solitamente una tuta più simile a un comodo pigiama che ad una di quelle meravigliose mise che si vedono oggi anche per le squadre di amici che a 50 anni giocano ancora a calcetto. Insomma, ai miei tempi si faceva sport in pantaloncini e maglietta e le situazioni particolari che richiedevano qualcosa di tecnico si riducevano alla necessità, per taluni sport, di un sospensorio o un reggiseno rinforzato.

Leggi tutto “Il fitness: siamo tutti supereroi”

La scuola degli squilibri

Dalla mia città, Palermo, giunge la notizia di un genitore che ha picchiato un docente. Fidando in una chiacchiera della figlia, senza chiedere un confronto, il cavernicolo ha aggredito ed avuto la meglio su un insegnante, colpevole di fare l’educatore. Magari tra le sue mani imbecilli e i suoi occhi primitivi, è finita una copia fotostatica di un testo di Ibn Hawqal, autore arabo del X secolo, che proprio in Sicilia compì un viaggio in occasione del quale ebbe modo di denigrare i docenti come infedeli (ah cani!), vigliacchi e pessimo esempio per le nuove generazioni in quanto proprio essi, i docenti, si mostravano riottosi al combattimento in nome dell’oppressore. Il docente ora giace ricoverato in ospedale mentre lo scimmione se ne sta a guardare la tivu a casa con in braccio la figliola a cui starà passando perle di saggezza fognaria.

Leggi tutto “La scuola degli squilibri”

La scuola: tornare al rischio

Mi volto e guardo gli anni passati. Quando ero bambino.

  • Mamma scendo.
  • Dove vai?
  • Giù, in piazzetta, a giocare.
  • Stai attento. E non fare tardi.

E finiva qui. Era il tempo della fiducia. Che si basava sull’accettazione culturale della dimensione del rischio come prova da superare e imparare a superare. Per diventare adulti.

Provo a pensare agli anni di oggi. Quando ero genitore.

  • Mamma esco.
  • Dove vai?
  • Non lo so.
  • Aspetta che ti accompagno, prendi il cellulare e ogni tanto dammi notizie, lasciami il numero dei tuoi amici, con chi vai?
  • Poi ti giro il contatto.

E finisce qui. È il tempo della diffidenza. Che si basa sull’accettazione culturale della dimensione del calcolo come illusione di controllo su tutto. Per restare adolescenti, facili da condizionare in ragione delle esigenze del mercato.

Leggi tutto “La scuola: tornare al rischio”