La scuola di chi

30 secondi

Il nuovo libro. Si dimostra che la nostra scuola non è pensata per gli alunni, ma organizzata intorno ai bisogni degli adulti che ci lavorano. Da decenni la scuola italiana è un contenitore di politiche del lavoro, importanti senza dubbio, ma non a spese di una filosofia pedagogica che deve essere calibrata sui giovani di oggi. Che non sono affatto peggiori di come eravamo noi quando avevamo la loro età. Non comprenderlo è il nostro limite, ma a rimetterci è il loro futuro.

Per l’acquisto on line sul sito www.carlosaladinoeditore.it, cliccare su

 http://www.carlosaladinoeditore.it/scegli.asp?id=90

 

Giampiero Finocchiaro

Danzare sulla vita col sorriso

Ci sono 3 commenti .

  1. Ho comprato questo saggio alla fiera del libro di Torino. Si legge d’un fiato perché tratta tutti gli argomenti con indicazioni precise e uno stile attuale. Sono anche io una insegnante e credo che in Italia oggi serva una scuola libera da corporativismi (vedi sindacati) e inutili conflitti interni tra docenti e dirigenti, questa battaglia fomentata da altri soggetti é e ci rende ridicoli oltre che inferiori rispetto persino a lavoratori meno preparati ma meglio pagati.

  2. In uno dei tanti forum di discussione sulla scuola che circolano nel web, una insegnante sosteneva che “la scuola è degli insegnanti”. Ecco questa convinzione, rinforzata da un sindacato di categoria, abilmente manipolatore, è largamente diffusa presso gli insegnanti affetti dalla “sindrome del disciplino-centrismo”.
    Il libro del Preside Finocchiaro “La scuola di chi” mi è molto piaciuto poiché contribuisce a svelare questo inganno e riposiziona finalmente al centro della scena gli alunni, analizzando in dettaglio i diversi mali della scuola che, purtroppo, hanno origini lontane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *