MICROSTORIE 4: voglio un fratello

  • Mamma, voglio un fratellino, tu ne avevi due.
  • Perché? Non ti basta la tua mamma? vedi, i tempi sono cambiati… 
  • Papà, voglio un fratellino, tu ne avevi uno.
  • Perché? Non hai tutto quel che vuoi? vedi, erano altri tempi…
  • Sì, vedo. Ma anche io ho bisogno di un complice.

Distribuire le conseguenze di un crimine, per un equo processo penale

La lettura del verbale che convalida gli arresti dei tre minorenni e un maggiorenne di appena 20 anni che hanno aggredito una giovane coppia di turisti polacchi, lascia senza fiato. Un congolese (il solo appena maggiorenne), un nigeriano e due fratelli marocchini fra i 15 e i 17 anni. Un branco di coetanei senza freni inibitori. Cosa succederà adesso? Proviamo a capirlo insieme.

Leggi tutto “Distribuire le conseguenze di un crimine, per un equo processo penale”

Proviamo a dirci qualche verità sulla scuola…

Immaginate di essere titolari di uno studio legale. Siete in procinto di seguire una causa importante. Prendete uno studente laureato in legge e lo mandate in tribunale a nome dello studio.

Oppure: il vostro studio ingegneristico riceve un appalto per la progettazione e costruzione di un ospedale. Prendete un laureato in ingegneria, seppure con 110 e lode, gli affidate progettazione e costruzione dell’ospedale.

Leggi tutto “Proviamo a dirci qualche verità sulla scuola…”

Quando sento che l’Italia è in crisi, penso…

Quando sento che l’Italia è in crisi, penso

Agli stipendi dei politici, ai benefit dei parlamentari e all’estensione per i loro parenti

Quando sento che l’Italia è in crisi, penso

Alle pensioni d’oro di chi dovrebbe dare l’esempio

Quando sento che l’Italia è in crisi, penso

Al cumulo di pensioni consentito a chi ha ridotto l’Italia in crisi

Leggi tutto “Quando sento che l’Italia è in crisi, penso…”

Per Nicolò Ciatti: addio caro ragazzo nostro

Un giovane come Nicolò, non si uccide con un calcio. Per quanto pseudo-addestrato fosse l’idiota che gli ha sferrato il calcio fatale, se Nicolò fosse stato vigile non sarebbe morto. Avrebbe avuto una reazione difensiva che avrebbe attutito il colpo, avrebbe avuto energie per assorbire parte del colpo. Se dunque, quel calcio è stato mortale, è perché col concorso di altri due imbecilli ceceni, il suo assassino alla fine si è trovato davanti un ragazzo inerme, con i muscoli ormai allentati, che avevano ceduto all’incoscienza.  Ergo: c’è concorso di colpa in assassinio da parte degli altri due che quegli  inetti dei giudici spagnoli hanno rimesso in libertà con incomprensibile fretta. Ergo: c’è complicità in omicidio, dal punto di vista etico, di quegli inadeguati giudici. Ovvio che chi ha sferrato l’ultimo colpo debba avere la pena più grave, ma che gli altri concorrenti non ne abbiano nessuna è una palese violazione del senso di giustizia, un’offesa all’intelligenza e alla dignità della famiglia di Nicolò Ciatti. Ora l’Italia, abituata ad essere debole coi forti e forte coi deboli, che farà? come tutelerà la memoria di questo nostro giovane andato in vacanza e tornato in riposo eterno? lo tratterà come Giulio Regeni? Con lo stesso polso? la stessa strategia?

Addio Nicolò, sono con te, soffro con tuo padre e con tua madre, con tua sorella, con tutti quelli che ti hanno amato. Ti accolga l’amore di Dio per una eternità di pace e speranza, quelle che questa maledetta terra di furibondi pazzi scellerati nega mentre naufraga tra violenza sconforto solitudine avidità e cecità.

MICROSTORIE 3: opacità

  • Rosanna, ma che avete fatto?
  • Ciao Giuseppe, come stai caro? Non capisco a cosa ti riferisci.
  • Come? alla sentenza.
  • Sì, caro mio, siamo orgogliosi, lo Stato ha vinto.
  • Ma la mafia? Roma, la capitale…
  • La mafia a Roma capitale? Ma mio caro, la mafia qui non esiste.
  • Rosanna! non esiste?
  • No Giuseppe, è un’invenzione dei media e dei sovversivi.

 

MICROSTORIE 2: creatività

L’esaminatore lo guardò dritto negli occhi.

  • Visto che ha risposto così bene, che è così preparato…
  • Pensavo avessimo finito…
  • Un’ultima domanda: come definirebbe un oggetto comune come… l’ombrello?
  • uhm… Una prima ipotesi di volo?

Il morbido e il duro. Viva Palermo e Santa Rosalia

Bella Palermo, che ha saputo regalare un’emozione così intensa a tutti, cittadini, turisti e ospiti d’onore in occasione della sfilata di D&G. Mi aveva piacevolmente sorpreso vedere piazza Pretoria addobbata per l’evento ma soprattutto mi ha stupito osservare come questa piazza sembri essere nata per le sfilate di moda con le sue belle statue nude, seppure portino addosso i segni dell’inciviltà e della barbarie di cui sono capaci i popoli ignoranti (teste e arti mozzati, pezzi perduti per sempre).

Leggi tutto “Il morbido e il duro. Viva Palermo e Santa Rosalia”